Pisticci ha vinto: il termovalorizzatore non si farà!

0
272

Ricordi il progetto presentato dalla società IRLE per la costruzione a Pisticci Scalo di un pirolizzatore a conversione catalittica per rifiuti speciali, volgarmente detto termovalorizzatore?

Ricordi che già come attivisti del gruppo politico Pisticci 5 Stelle ci battemmo per bloccarne la realizzazione, inviando alla Regione Basilicata, l’Ente deputato a rilasciare i pareri VIA ed AIA, le osservazioni e presentando una interrogazione insieme ai portavoce Leggieri e Perrino?

Fin dai primi mesi dall’insediamento l’Amministrazione Verri ha continuato a ribadire un fermo No a quel progetto scellerato e la totale contrarietà ad altri progetti che comportassero rischi per la salute dei cittadini ed una visione non conforme alla nostra idea di sviluppo del territorio.

Il 25 Marzo mentre il paese pullulava di promesse elettorali e verginità politiche perdute, con delibera di Giunta num. 205 del 15 Marzo 2019, la Regione Basilicata comunica al Comune di Pisticci di aver accolto le sue richieste (poste all’attenzione del Ministro Costa nel corso della sua visita) e “di esprimere giudizio sfavorevole di compatibilità ambientale e diniego dell’autorizzazione integrata ambientale relativa al progetto di costruzione di un impianto di recupero e messa in riserva di rifiuti speciali tramite conversione catalittica, nel Comune di Pisticci, da realizzare in via Pomarico a Pisticci Scalo”.

Soddisfatti dall’essere riusciti a proteggere il nostro territorio, già vessato dal punto di vista ambientale ed economico, siamo sempre più convinti che il territorio pisticcese e lucano abbia potenzialità inespresse che mal si conciliano con la violenza ambientale e che il settore turistico, naturalistico ed agroalimentare siano le nostre grandi e vere risorse.

Alla fine della fiera c’è chi si riempie la bocca della parola ambiente strumentalizzando la difficile situazione in cui versa la Valbasento e c’è chi lavora per cambiare l’impostazione che altri vorrebbero dare alla nostra terra, battendosi nelle sedi opportune e vincendo qualche battaglia.

Ambiente non è solo Tecnoparco. Ambiente è l’eolico selvaggio, le discariche utilizzate per fare cassa senza nemmeno mettere da parte un solo euro per la loro chiusura e post mortem, ambiente sono le mega centrali a biomasse, ambiente è la nostra stella, ambiente è protezione delle specie faunistiche e floreali. Ambiente è un’idea di sviluppo.

Commenta con FB

Commenti

NO COMMENTS