Raccolta differenziata e TARI: il M5S di Pisticci chiede spiegazioni al sindaco Di Trani

0
505

In riferimento all’articolo del 18.08.2015 a firma del Sindaco Di Trani, il Gruppo “Amici di Beppe Grillo Pisticci” vorrebbe delle delucidazioni in merito.
Sicuramente effettuare la raccolta differenziata è dovere di ogni cittadino, ma quali sono i doveri di una buona amministrazione?
Non sarebbe stato forse più opportuno muoversi in maniera più concreta nei quatto anni di mandato inutilmente trascorsi? Perché non c’è stato un prosieguo al progetto “Pisticci Zero Rifiuti”?
Perché questa amministrazione ha puntato esclusivamente ad una campagna di sensibilizzazione e non ha fornito a tutti i cittadini un kit di cassonetti idoneo?
Sarebbe stato forse più opportuno sensibilizzare i cittadini offrendo notevoli sgravi sulla TARI a quelli che hanno effettuato sistematicamente la raccolta differenziata e multando la gente che non rispetta l’ambiente e le sue ordinanze?
Perché oltre alle campane per plastica, vetro e carta non sono state installate delle compostiere per la raccolta dell’umido?
A proposito di campane, parecchi cittadini ci hanno riferito che lo svuotamento delle campane “differenziate”, carta, vetro, plastica, verrebbe effettuato in maniera , scusate il gioco di parole, INDIFFERENZIATA e cioè su un automezzo che accumulerebbe i rifiuti scaricati dalle campane in modo indistinto, per poi essere trasportati alla discarica comunale ove una ditta appaltatrice provvederebbe a differenziarli di nuovo.
Tale denunzia dei cittadini avrebbe trovato conferma nella dichiarazione che sarebbe stata resa dal Sindaco Dr. Di Trani nel corso di una riunione con i cittadini avente ad oggetto di discussione dell’entità della TARI presso la sede municipale di Pisticci.
Se questo forre vero, il comportamento del Comune di Pisticci risulterebbe oltremodo diseducativo per la cittadinanza, perché da una parte il Comune cerca la collaborazione dei cittadini a giustamente differenziare i rifiuti, per ridurre i costi e favorire il riciclo e dall’altra rende manifesto che della collaborazione dei cittadini se ne frega apertamente, perché il loro impegno viene annullato con l’accumulo indifferenziato dei rifiuti sui mezzi che li trasportano alla discarica.
E’ evidente che il problema sopra sollevato, prima ancora che una questione di costi, che pur è molto importante visto l’ammontare esorbitante della TARI imposto ai cittadini di Pisticci , comporta una questione culturale, educativa, civica , perché diventa penoso per i cittadini di Pisticci assistere all’accumulo indifferenziato dei rifiuti sugli automezzi, dopo averli con cura ed attenzione separati e distinti nelle loro case, così dimostrando un profondo amore per l’ambiente, il risparmio, la salute, e cioè per quelle cose che gli enti e le istituzioni spesso dimostrano di ignorare o perlomeno di sottovalutare.
Si attende in merito una risposta chiara ed esaustiva indirizzata anche a tutta la cittadinanza.

Commenta con FB

Commenti

SHARE
Previous articleMovimento 5 Stelle: nasce a Pisticci il primo gruppo di attivisti
Next articleIl parco giochi nel deserto...

NO COMMENTS